Martina Bayer
LA RESPONSABILITÀ SOCIALE

Insieme contro il cancro al seno


DIAGNOSI CHOC: «CARCINOMA INFIAMMATORIO DEL SENO»

Mi chiamo Martina, ho poco più di 30 anni e appartengo alla categoria delle vincenti. Il cancro al seno ha cambiato per sempre la mia vita e, dalla prospettiva odierna, in meglio! Ho imparato a godermi il momento. Vivo, amo, rido. Riscoprire la mia femminilità e ritrovare di nuovo me stessa sono state esperienze di vita di grande intensità. Il desiderio di «tornare a sentirmi donna» è nato dal mio bisogno più intimo di essere finalmente considerata una persona sana e piena di vita. Sono riuscita in qualche modo a nascondere la perdita dei capelli e poco dopo anche delle ciglia e delle sopracciglia portando una parrucca e adottando alcuni escamotage quando mi truccavo. 

LA PROTESI È STATA LA MIA GUARDIA DEL CORPO PERSONALE


Martina Bayer


Dopo l’asportazione della mammella sinistra, la protesi è stata la mia guardia del corpo personale. Era lo scudo che mi proteggeva dagli sguardi indiscreti (e compassionevoli) degli altri. Con l’adattamento della protesi mammaria alle mie forme, ha preso vita la mia femminilità a livello estetico e con essa ho recuperato gradualmente la pace dell’anima e la quiete interiore. In quel periodo, il fattore che determinava il mio benessere si ridefiniva ogni giorno, finché ad un certo punto sono tornata a essere in armonia con me stessa.  


«Essere donna» significa per me «rimanere donna» nonostante i cambiamenti esteriori: la ricostruzione del seno ha rappresentato quindi il coronamento di un viaggio ricco di esperienze che mi ha riportata all’origine di me stessa.

Vi consigliamo

Beldona: Al vostro fianco, per tutta la vita


La storia di Martina ha ispirato questo opuscolo. Desideriamo potervi accompagnare da vicino ed essere al vostro fianco quando avete bisogno di noi.  


Qui troverete informazioni sulle nostre consulenze, sui prodotti consigliati per le diverse fasi e i contatti delle filiali.


Da noi troverete tanti prodotti che vi aiuteranno ad affrontare meglio questo periodo difficile: che sia un reggiseno speciale particolarmente confortevole, loungewear alla moda da utilizzare in casa o una protesi mammaria discreta. 


Le nostre collaboratrici che vi accolgono nelle filiali Beldona sono appositamente formate e vi consigliano con competenza e sensibilità. Fatevi mostrare in tutta tranquillità e in un’atmosfera intima i prodotti giusti per voi.


Vi accompagniamo prima, durante e dopo una terapia per la cura del tumore al seno per aiutarvi a recuperare il benessere fisico. Rafforzare la vostra autostima, sostenervi e consigliarvi sono gesti che ci stanno a cuore.

Il nostro affiliato - Anita


Da oltre 50 anni, ANITA crea capi di biancheria intima pregiati e alla moda, costumi da bagno e protesi mammarie per le donne malate di cancro al seno.

Argomenti Panoramica

Phasen der Behandlung

Prodotti nelle fasi di trattamento

Siamo a vostra disposizione per accompagnarvi prima, durante e dopo una terapia per la cura del tumore al seno e aiutarvi a recuperare il benessere fisico. Rafforzare la vostra autostima, sostenervi e consigliarvi sono gesti che ci stanno a cuore.

Image without a name

Protesi mammaire

Le moderne protesi mammarie sono di forma, dimensioni e materiali diversi, ma sono tutte accomunate dal fatto di essere molto simili al seno naturale. Siamo al vostro fianco per consigliarvi la protesi giusta. Scegliete un modello che vi doni una sensazione di naturalezza e vi trasmetta sicurezza, nella vita quotidiana, quando fate sport e nel tempo libero.

Image without a name

Consulenze personalizzate

Nelle filiali Beldona, le nostre collaboratrici appositamente formate vi offriranno la loro consulenza in un’atmosfera piacevole

Image without a name

Il nostro atelier

In BELDONA la qualità è sempre stata al primo posto. Siamo infatti convinti che i prodotti che durano nel tempo siano la scelta migliore, perché ci rendono felici a lungo e ci aiutano a produrre meno rifiuti.

Image without a name

Lega contro il cancro

Il cancro al seno può colpire ogni donna, ma potete contribuire a ridurre al minimo il rischio di carcinoma. Meno avanzato è lo stadio della malattia, tanto maggiori saranno le prospettive di guarigione.